• 'Chiedi alla polvere', dai giovani Arquata, Fb e un blog per ripartire

'Chiedi alla polvere', dai giovani Arquata, Fb e un blog per ripartire

"Il Terremoto - dicono - ha fatto sbiadire sogni, ma non ci arrendiamo"

Si chiama "Chiedi alla polvere/Ask the dust" la pagina Facebook aperta da una decina di giovani di Arquata del Tronto, il comune delle Marche più colpito dal terremoto del 24 agosto: il riferimento all'omonimo libro di John Fante, che pure narra dell'aspirante scrittore italo-americano Giovanni Bandini, però è solo parziale. Al momento il gruppo su Facebook è un modo per rimanere uniti e per scambiarsi informazioni sulla vita nelle tendopoli e sulla futura fase della ricostruzione.

Ma l'obiettivo di Emanuele, Vincenzo, Andrea, Diego, Natalia, Maria, Maristella, Christian, Davide, Alessandro e Grazia, è più ambizioso: creare un blog e infine un sito di notizie, sul modello di Newstown, realizzato dai comitati di base e dai giovani dell'Aquila per documentare la fase post sisma. E così il titolo diventa un modo per 'interrogare' la polvere, cioè ripartire dalle rovine per progettare il futuro, il loro e quello del loro paese, che ha contato 51 vittime del sisma, la frazione di Pescara del Tronto, rasa al suolo, decine e decine di edifici pubblici e privati inagibili, comprese le scuole e il Municipio.

"Quello che ci lega nel profondo a questo luogo é il senso di appartenenza - scrivono i ragazzi in un post che è il manifesto del progetto, sotto ad un'immagine suggestiva dei Monti Sibillini -. Tutti sentiamo di appartenere a queste montagne che ci cullano da quando siamo nati".

E anche se "qualsiasi vincolo affettivo tra persone può svanire, sfumare nel giro di pochi anni", c'è la "ferma convinzione che il legame con questo posto rimanga, nonostante le strade che ognuno è costretto a prendere nella propria vita possano portarlo lontano".

"Questo terremoto ha fatto sbiadire sogni, speranze e progetti che fin da piccoli legavamo ad Arquata - dicono -, perché purtroppo ha reso quelle case macerie, quelle strade cumuli di massi e anche tutti noi più disillusi e razionali, ci ha privato dell'ottimismo della nostra immaginazione. La consapevolezza più grande però è quella che ognuno di noi lotterà perché il nostro paese non venga abbandonato, farà di tutto per veder tornare le cose alla normalità, perché andremmo contro noi stessi non perseguendo questo proposito. Ricominceremo a sognare il nostro futuro qui, nel piccolo angolo di paradiso che ci ha regalato emozioni incomparabili, dobbiamo ricominciare per quel senso di appartenenza che vive in noi".

Gli altri post hanno un contenuto più giornalistico: l'arrivo della newsroom mobile, cioè una roulotte piazzata nel campo di Borgo, accessoriata con portatili e macchine fotografiche ("ora non ci ferma più nessuno"), poi iniziative di beneficenza a favore dei terremotati, il resoconto del primo giorno di scuola sotto le tende, la condivisione di notizie e informazioni sulla disponibilità (o meno) di eventuali case alternative per gli sfollati. Nei giorni scorsi i ragazzi hanno ricevuto la visita e i consigli dello scrittore Erri De Luca, mentre l'assistenza tecnica è fornita dallo staff di Newstown e quella logistica dalla pro loco. Il blog e il futuro giornale online sono già visibili nella struttura dei post. Ma in una fase in cui tanti editori, grandi e piccoli, abbandonano la carta per dedicarsi al digitale, i giovani di Arquata pensano ad un'edizione cartacea: "sa - dice Emanuele - è per farla leggere agli anziani del paese...".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA