Venezia: falso allarme, cristalli quarzo

Procuratore antiterrorismo,avvolti in carta 'per simulare ferro'

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAR - Contenevano cristalli di quarzo i due involucri trovati stamane all'interno del cortile di Palazzo Ducale, a Venezia, e che hanno fatto scattare stamane il dispositivo di sicurezza con l'uscita del personale per circa un ora dal palazzo, poi regolarmente aperto al pubblico. Le verifiche hanno escluso la presenza di materiale esplosivo. Il procuratore aggiunto di Venezia, Adelchi D'Ippolito, con delega per l'antiterrorismo, ha spiegato che si è trattato di involucri confezionati perfettamente e posizionati su due tombini. Erano avvolti con una carta color ruggine "per simulare del ferro", ha ipotizzato il procuratore, e sono stati trovati su due botole all'interno del cortile. Sul posto erano intervenuti polizia, artificieri, il questore Angelo Sanna e lo stesso D'Ippolito.
    "E' stato accertato che in realtà - ha sottolinea il magistrato - contenevano cristalli di quarzo. Uno dei due involucri presenta una macchia che la polizia scientifica sta esaminando per accertare se si tratti di una macchia ematica.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA