No bombe su Gaza, processo a Vercelli

Due attivisti a giudizio. Difesa chiama Moni Ovadia e don Sacco

(ANSA) - TORINO, 23 MAR - L'attore Moni Ovadia, il coordinatore nazionale di Pax Christi don Renato Sacco, l'ex rappresentante a Gersusalemme dell'Oms per i "territori occupati" in Palestina Angelo Stefanini: sono alcune delle persone che nei prossimi mesi interverranno in tribunale a Vercelli per testimoniare in difesa di due attivisti di un centro sociale processati per avere affisso uno striscione contro Israele. Le audizioni sono state chieste dagli avvocati Gianluca Vitale e Laura Martinelli. Gli attivisti, in quei giorni, avevano appeso ai cancelli della sinagoga un drappo con le scritte "Stop bombing Gaza - Israele assassini - Free Palestine". Ora sono accusati di propaganda di idee basate sull'odio razziale, ma la difesa obietta che si tratta solo di legittime critiche alle iniziative dello Stato, e non alla comunità o alla religione ebraica. Fra i temi su cui riferiranno i testimoni ci sono i "danni alla popolazione civile causati da Margine Protettivo" e la "distruzione di una scuola per l'infanzia".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA