Portavalori, resta in cella vicesindaco

Preparavano colpo nel Lazio, pronti a usare anche lanciarazzi

(ANSA) - CAGLIARI, 22 MAR - Il vicesindaco di Villagrande Strisaili, in Ogliastra, Giovanni Olianas, ritenuto la mente della banda specializzata in assalti a portavalori, sgominata nei giorni scorsi in Sardegna, resterà in cella. Il Gip di Lanusei ha convalidato il fermo e applicato la misura cautelare in carcere. Analogo provvedimento per i suoi fratelli, Gianluigi e Carlo Olianas, di 53 e 43 anni, e per Fabrizio Manca, di 35, anche lui di Villagrande. Intanto dal decreto di fermo si apprende che c'era in preparazione anche un colpo nel Lazio tra gli obiettivi della banda paramilitare, che avevano nella disponibilità kalashnikov, esplosivi, attrezzature per tagliare le porte blindate dei portavalori. In un'occasione i banditi avevano anche valutato la possibilità di utilizzare un lanciarazzi per far saltare un furgone.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA