Chiara, uscita viva da metro morte

Parla uno dei feriti italiani. "L'esplosione, il buio, le urla"

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - "Non so se è stato un miracolo, o semplicemente fortuna. So solo che sono sopravvissuta e che ho riportato solo leggere ferite, mentre un paio di vagoni avanti si sono contati i morti. Il mio pensiero va ora a loro". Chiara Burla, originaria di Borgosesia (Vercelli) ma residente a Firenze, è uno dei feriti italiani dell'attentato di Bruxelles.
    Stava sul treno della metropolitana che è saltato. "Ricordo l'esplosione, il buio, le urla", dice all'ANSA. "Adesso non vedo l'ora di tornare a casa. Mi interessa solo questo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA