Omicidio Ancona,nessuna sciabola in casa

Tagliata aveva detto, 'temevo che Giacconi mi aggredisse'

(ANSA) - ANCONA, 12 MAR - Non c'era alcuna sciabola nell'appartamento di via Crivelli ad Ancona, l'abitazione in cui il 7 novembre scorso Antonio Tagliata uccise a colpi di pistola il padre della fidanzata sedicenne, Fabio Giacconi, ufficiale dell'Aeronautica militare, e la moglie di questi Roberta Pierini. Lo ha rivelato il sopralluogo compiuto stamani dai carabinieri nella casa del delitto, un accertamento chiesto alla procura dai difensori della sedicenne, accusata di concorso nell'omicidio aggravato dei genitori. Interrogato dai magistrati, Tagliata aveva infatti sostenuto di aver aperto il fuoco con la sua calibro 9 quando, al culmine del litigio con i Giacconi, che si opponevano al flirt fra i due ragazzi, l'ufficiale si sarebbe alzato di scatto dirigendosi verso un armadio in cui, così disse Antonio, ''teneva la sciabola'' d'ordinanza. ''Temevo che potesse farmi del male'', le parole del diciannovenne. Una ricostruzione smentita dal sopralluogo di oggi, che peraltro non avrà una particolare rilevanza ai fini dei processi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA