Minaccia decapitare vicini con motosega

Terrore a Grosseto,uomo in ebbrezza equivocò sorriso per scherno

(ANSA) - GROSSETO, 12 MAR - Fece inginocchiare i vicini nella loro cucina e minacciò di decapitarli con la motosega: ora il gip di Grosseto ha deciso l'arresto in carcere di Mario Marcucci, 59 anni, per minaccia aggravata, sequestro di persona e porto abusivo di armi. L'episodio è avvenuto a Scansano (Grosseto) la sera del 6 marzo. Secondo le accuse, Marcucci interpretò come sorriso di scherno il saluto che il vicino gli fece mentre rincasava con la compagna dopo una serata in pizzeria. Il 59/enne, in stato di ebbrezza, reagì male: andò in cantina, prese una motosega, quindi entrò nella casa dei vicini - marito e moglie -, chiuse la porta e li segregò in cucina, costringendoli a inginocchiarsi. Poi lì minaccio di decapitarli, terrorizzandoli fortemente, brandendo la motosega a motore acceso. Spento l'attrezzo, percosse e schiaffeggiò l'uomo, quindi minacciò anche il figlio, arrivato in tempo per dare l'allarme, e la sua fidanzata. Marcucci riaccese ancora la motosega ma all'arrivo di carabinieri scappò. Poi fu fermato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA