Bonifica da cromo nell'Alessandrino

Nel Polo chimico di Spinetta Marengo. Scelta tecnica innovativa

(ANSA) - ALESSANDRIA, 25 FEB - Con l'approvazione del progetto per la bonifica dei terreni contaminati da cromo esavalente, sono iniziati i lavori nel Polo Chimico di Spinetta Marengo ex Montedison, nell'Alessandrino. Il progetto ha un costo di 7 milioni di euro ed è curato in collaborazione da Solvay Specialty Polymers, Università del Piemonte Orientale, Ramboll/Environ (consulente ambientale), Arpa e Cnr. E' prevista l'iniezione nel terreno di una soluzione costituita da polvere di ditionito di sodio in acqua: la reazione chimica trasforma il cromo esavalente, solubile e quindi mobile in falda e pericoloso, in trivalente, insolubile e non pericoloso.
    All'interno dello stabilimento sono state identificate 7 aree da bonificare, pari a circa 30 mila metri quadrati di terreni.
    Innovativa la tecnica di iniettare una soluzione acquosa tanto che Solvay ha deciso di presentare la candidatura di questa metodologia al concorso internazionale 'Life programme' indetto dalla Comunità Europea.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA