Green Hill, chiesta conferma condanne

Beagle destinati alla vivisezione, processo d'appello a Brescia

(ANSA) - BRESCIA, 23 FEB - Nel corso del processo davanti alla Corte d'Appello di Brescia il sostituto procuratore aggiunto Ambrogio Cassiani, pm che ha indagato sull'intera vicenda e che oggi ha ottenuta la delega dalla Procura Generale, ha chiesto la conferma delle condanne per i vertici di Green Hill, l'allevamento di cani beagle destinati alla vivisezione, chiuso il 18 luglio 2012. In primo grado Renzo Graziosi e Ghislane Rondot, rispettivamente veterinario e cogestore della struttura, erano stati condannati a un anno e sei mesi, mentre il direttore dell'allevamento Roberto Bravi era stato condannato ad un anno.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA