Crac da 3,5 miliardi,Marenco davanti gup

Imprenditore accusato bancarotta, truffa ed evasione fiscale

(ANSA) - ASTI, 22 FEB - Marco Marenco, l'ex patron della Borsalino accusato di un crac da 3,5 miliardi di euro ai danni di numerose società del settore energetico, è comparso questa mattina per la prima volta in aula davanti al gup Alberto Giannone. L'imprenditore è accusato di una lunga serie di reati, tra cui bancarotta fraudolenta, truffa ed evasione fiscale.
    In aula anche una decina di legali rappresentanti di imprenditori, società e di una banca slovena, in attesa di potersi costituire parte civile. Gli avvocati Vittorio e Davide Nizza, che difendono Marenco, hanno chiesto un rinvio per mettere a punto le proposte di risarcimento. Il pm che coordina le indagini, Luciano Tarditi, non si è opposto e l'udienza è stata aggiornata al prossimo 27 aprile.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA