Morto Willenberg, ultimo internato di Treblinka

L'evasione, la lotta partigiana, poi una nuova vita in Israele

(di Aldo Baquis)

All'eta' di 93 anni si e' spento Shmuel Willenberg, l'ultimo superstite del campo di sterminio nazista di Treblinka (Polonia occupata). Autore di un libro di memorie tradotto in diverse lingue, protagonista di un documentario, realizzatore di statue che in forma plastica esprimono gli orrori di quel campo di sterminio, infaticabile accompagnatore in Polonia di delegazioni di giovani israeliani, Willenberg e' stato un testimone di grande importanza per comprendere l'ampiezza del genocidio degli ebrei compiuto dai nazisti. Proprio a Treblinka furono sterminati 800-850 mila ebrei, per lo piu' originari di Varsavia, e della Grecia. Ma chi oggi si reca in visita in quel luogo non vi trova alcuna testimonianza fisica perche' i tedeschi ebbero cura di cancellare tempestivamente ogni traccia dei loro misfatti. Una radura in mezzo ad una foresta: in una giornata estiva oggi Treblinka potrebbe essere scambiata per una località amena, se non fosse per le pietre che portano i nomi delle comunità ebraiche sterminate dai tedeschi.
    ''Mio padre e' morto da persona ottimista. Era assetato di vita, vedeva l'aspetto positivo in tutto. Ma Treblinka - ha detto alla stampa locale la figlia Orit Willenberg-Ghilad - non lo abbandonava mai. Nel prendere in mano la mollica del pane, di fronte alla buccia di una patata: Treblinka, Treblinka''.
    Nato da padre ebreo e madre cristiana, con l'occupazione tedesca della Polonia Willenberg fu catturato dai nazisti ed inviato a Treblinka: ''una gigantesca macchina della morte, dove ogni giorno - ricorda la figlia - venivano eliminati settemila ebrei''. Per un capriccio del destino, fu scelto a far parte di una squadra di ebrei impiegati a selezionare gli abiti delle vittime e a spedire in Germania quanto fosse riutilizzabile. Fu cosi' che, prendendo in mano un cappotto particolare di una giovane donna e la gonna di una bambina, apprese che entrambe le sorelle erano stato eliminate.
    ''Undici mesi - ha proseguito Orit Ghilad - mio padre visse in quell'inferno''. La sua liberta' fu dovuta ad un altro capriccio del destino. I responsabili tedeschi avevano bisogno di un'armeria ed ordinarono ad un fabbro ebreo di produrre un forte lucchetto. In segreto questi fece pero' due chiavi: una fu data ai comandanti tedeschi, l'altra passo' ad un piccolo gruppo di insorti che di sorpresa aprirono l'armeria e distribuirono fucili agli internati. Era l'agosto 1943. Le vedette tedesche aprirono un fuoco micidiale sugli ebrei che disperatamente si lanciavano sui reticolati. Assieme con altri 200, Willenberg corse verso la liberta' calpestando i corpi dei caduti, fu ferito ad una gamba, ma riuscì a dileguarsi nei boschi attorno a Treblinka per unirsi, in seguito, ai partigiani polacchi. Nel 1950 sarebbe immigrato in Israele dove si sarebbe sposato e avrebbe fatto carriera nel settore pubblico. Una volta in pensione, avrebbe dedicato tutte le energie per cercare di partecipare al prossimo gli orrori testimoniati nel campo di sterminio. La sua documentazione e' oggi custodita nel Museo dei Combattenti dei Ghetti presso Naharya, in Galilea.
    ''Verso i suoi guardiani - ha detto ancora Orit Ghilad - non provava un odio speciale. Lo provava invece verso gli ingegneri tedeschi che a tavolino avevano 'perfezionato' la macchina della morte al fine di rendere possibile l'eliminazione di migliaia di esseri umani in poche ore''. In Germania sarebbe tornato per una 'rivincita' tutta personale: l'inaugurazione dell'ambasciata di Israele a Berlino alla cui progettazione aveva partecipato la figlia Orit. Nella natia Polonia tornava di frequente, alla guida di gruppi di studenti israeliani. ''Lo affliggeva il pensiero che a Treblinka, a differenza di Auschwitz, il visitatore occasionale non toccasse con mano e con l'occhio l'enormità dei crimini nazisti. Sognava che fosse la' costruito un memoriale adeguato''.
    I fondi necessari vengono adesso raccolti, i permessi necessari a quanto pare sono stati ottenuti. ''Faremo il possibile - ha concluso la figlia - per realizzare questo suo estremo desiderio''. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA