Torino, Patto Comune-comunità islamica

La firma oggi. Fassino, lo porteremo a livello nazionale

(ANSA) - TORINO, 9 FEB - "Torino è la nostra città e ne condividiamo il presente e il futuro". Lo affermano le associazioni islamiche torinesi nel 'Patto di Condivisione' sottoscritto con l'amministrazione comunale. Un "atto molto significativo per testimoniare, in un periodo scosso dalla violenza e dal terrorismo, il valore dell'esperienza di condivisione e di convivenza torinese", sottolinea il sindaco Piero Fassino, che ha annunciato l'intenzione di sottoscrivere un documento analogo a livello nazionale tra Anci e comunità islamiche.
    Torino, con Firenze, è la prima città italiana a dotarsi di un simile strumento. "Le venti associazioni con le quali abbiamo firmato l'accordo - spiega Fassino - rappresentano 35.000 cittadini islamici torinesi, un terzo degli stranieri in città.
    Questo è un patto per tutti, per gli islamici e per i torinesi; quello che vogliamo tutti è una città più sicura, più capace di contrastare la violenza e e gli integralismi che procurano ferite profonde nella nostra società e in tantissimi Paesi".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA