Uccise moglie e figlio disabile, 8 anni

Processato per 'omicidio del consenziente' e omicidio volontario

(ANSA) - ROMA, 04 FEB - Soffocò il figlio disabile con un cuscino, poi uccise anche la moglie che glielo aveva chiesto, sparandogli alla testa con una pistola dopo aver tentato invano di soffocare anche lei. Una tragedia familiare oggi arrivata alla sua definizione giudiziaria d'appello. Sergio Ruggeri, pensionato romano di 78 anni, è stato condannato dalla I Corte d'assise d'appello a 8 anni di reclusione per 'omicidio del consenziente' per la morte della moglie e omicidio volontario per la morte del figlio. E' stata così rideterminata la condanna a 10 anni inflitta in primo grado dal gup a conclusione del processo col rito abbreviato.
    Il duplice omicidio, risalente al 9 aprile 2014, fu subito confessato da Ruggeri. La coppia, con un figlio affetto da tetraparesi gravissima, aveva visto crollare la speranza di trovare una soluzione di lungo periodo per il figlio che andasse anche al di là della loro morte.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA