Di Pietro teste, chi dietro a calunnie?

Testimone al processo , 'Perché Genovesi disse quelle cose ?'

(ANSA) - BOLOGNA, 4 FEB - "All'epoca come padre e come marito mi fece male e mi provocò disagio. Ma ciò che mi sconvolse e che ancora oggi mi domando è perché un bel giorno Perla Genovesi si sveglia e dice quelle cose. Spero ancora di capire chi c'era dietro a quelle affermazioni". Lo ha detto Antonio Di Pietro, testimoniando a Bologna al processo che vede imputata, per calunnia e diffamazione nei suoi confronti, Perla Genovesi. La donna, 38 anni, ex assistente di un parlamentare Fi, è accusata di aver incolpato falsamente Di Pietro di prostituzione minorile. Ne parlò, interrogata dalla Dda di Palermo nel 2010, dopo un arresto in un'indagine di narcotraffico. Di Pietro ha spiegato di aver promosso 461 cause per difendere il proprio onore "da quando feci 'Mani Pulite'. Quasi ogni giorno - ha detto - sono in giro per i tribunali per ricostruire, attraverso le sentenze, chi e perché ha messo in piedi azioni diffamatorie nei miei confronti". Ad oggi, però, "non c'è un atto in cui viene individuato un piano o un disegno unitario".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA