Uccise da minicar, conducente in cella

L'uomo aveva un tasso alcolemico 4 volte superiore al limite

(ANSA) - AREZZO, 1 FEB - Ha trascorso la notte in carcere Alexe Danut, il 40enne romeno che nel tardo pomeriggio di ieri ha investito, uccidendole, madre e figlia nella zona di San Leo Montione ad Arezzo. L'uomo è stato arrestato dalla polizia municipale per omicidio colposo plurimo aggravato dal fatto che aveva un tasso alcolemico superiore quattro volte al limite consentito. Dagli accertamenti effettuati dalla polizia municipale risulta che il romeno non ha mai conseguito la patente, ma era in regola in quanto in possesso del cosiddetto patentino per guidare il mezzo che stava conducendo. Nei suoi confronti la procura di Arezzo procede per via ordinaria, l'uomo è in attesa di convalida del fermo da parte del Gip chiesta contestualmente alla custodia cautelare in carcere. Le vittime dell'incidente si trovano all'obitorio dell'ospedale di Arezzo in attesa che il pm Elisabetta Iannelli dia l'autorizzazione per fissare la data dei funerali.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA