Tredicenne morta in seggiovia, processo

Tre imputati a giudizio, un quarto patteggia

(ANSA) - TORINO, 29 GEN - Il 22 gennaio 2013 una tredicenne inglese di origine indiana, Poonam Battai, morì dopo essere precipitata da una seggiovia a Claviere (Torino), dove si trovava in gita scolastica. Oggi il gup Gianni Macchioni, a Torino, ha disposto tre rinvii a giudizio e ha accolto la proposta di patteggiare un anno e quattro mesi di reclusione presentata da un quarto imputato.
    Il 19 aprile 2017 saranno processati un dirigente della società francese Régie des remontées mécaniques Montgenèvre, che gestiva l'impianto 'Col Boeuf', e due dirigenti dell'Ustif, ente del Ministero dei trasporti. A concordare la pena è stato un addetto francese della seggiovia. L'accusa è sostenuta dal pm Manuela Pedrotta sulla scorta di indagini del procuratore Raffaele Guariniello. La famiglia della ragazza si è costituita parte civile con l'avvocato Marco Bona, il quale afferma che fino ad oggi non è stato devoluto alcun risarcimento e che pertanto intende promuovere un'azione legale contro la società francese e la Sestrieres spa.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA