Salma non benedetta: parroco minacciato

Lo ha rivelato al fratello di Aicha durante telefonata di scuse

(ANSA) - ARNASCO (SAVONA), 23 GEN - "Il sacerdote mi ha detto di essere stato minacciato, di avere ricevuto una lettera anonima.
    Se davvero è andata così doveva denunciarlo alle autorità presenti ieri alla cerimonia funebre e non aver alcuna paura".
    Lo ha detto Moustapha Bellamoudden, fratello di Aicha, che ha spiegato di avere ricevuto una telefonata da don Angelo Chizzolini, parroco di Arnasco, che ieri si è rifiutato di benedire la salma della sorella morta nel crollo di una palazzina nel paesino del savonese. Il parroco ha telefonato per scusarsi ha spiegato Bellamoudden. "Purtroppo questa storia sta alimentando odio e gli estremisti ora sono capaci di strumentalizzare questa storia sostenendo che i cristiani non rispettano i musulmani. E questo io non lo voglio. Non sono amareggiato per la mancata benedizione, ma per il fatto che non ha nominato mia sorella. Ma lo perdono". Il marocchino rivela che anche il vescovo Borghetti gli ha telefonato per scusarsi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA