Stazionaria unica superstite palazzina

La donna è in prognosi riservata, ha ustioni in 80% corpo

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - Sono ancora critiche ma stazionarie le condizioni della donna di origini brasiliane di 40 anni ricoverata al centro grandi ustionati dell'ospedale Villa Scassi di Genova dopo il crollo, avvenuto ieri, della palazzina ad Arnasco, nel savonese, provocato da una perdita di gas e costato la vita a cinque persone.
    La donna ha riportato ustioni sull'ottanta per cento del corpo ed è in prognosi riservata. La brasiliana, unica superstite, è un'amica di Marco Vegezzi, 49 anni, morto nel crollo dell'edificio. I carabinieri devono ancora identificarla attraverso amici e parenti che tuttavia non si sono ancora presentati in caserma. Un lavoro investigativo coordinato dal capitano Francesco Ercolani e seguito dal sostituto procuratore della Repubblica Daniela Pischetola. L'inchiesta aperta per omicidio colposo e disastro colposo è al momento senza persone indagate. Si dovrà accertare, attraverso le perizie della squadra di polizia giudiziaria dei pompieri, se la tragedia in qualche modo poteva essere evitata.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA