Libia, Kerry annuncia governo di unita' entro 40 giorni

Gentiloni, punto di svolta. Paesi Conferenza, determinati sconfiggere Isis

L'accordo dell'Onu sulla Libia prevede l'insediamento del governo di unità nazionale a Tripoli entro 40 giorni dalla firma. Lo ha detto il segretario di stato Usa John Kerry al termine della conferenza di Roma. "C'è chi dentro e fuori la Libia lavora per far fallire l'accordo. Chi lo mina pagherà il prezzo", ha aggiunto.

"La comunità internazionale affronterà la minaccia dell'Isis in Libia nei prossimi mesi. L'Italia avrà un ruolo fondamentale" nel quadro delle decisioni Onu e del nuovo governo per la stabilizzazione del Paese. Lo ha detto il ministro Paolo Gentiloni in conferenza stampa al termine della Conferenza.

"Si è registrata una convergenza senza precedenti, un sostegno unanime sull'intesa raggiunta tra le parti libiche" per il governo unitario in Libia che dovrà essere firmata la prossima settimana, ha detto il ministro Paolo Gentiloni. Quello compiuto alla Conferenza di Roma sulla Libia "è un passo di svolta per la stabilizzazione del Paese", ha detto il ministro.

"L'Italia è la prima a dover gestire questo impegno in Libia e siamo grati a Roma per la sua leadership e le sue conoscenze", ha affermato il segretario di Stato Usa John Kerry.

"Esprimiamo la nostra determinazione, in collaborazione con il governo di unità nazionale, a sconfiggere l'Isis in Libia ed eliminare la minaccia che rappresenta per il Paese e la sicurezza globale". E' un passaggio del documento dei 17 Paesi che hanno partecipato alla Conferenza di Roma, con Onu, Ue, Lega Araba e Unione africana.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA