Da piazza del Popolo a Roma la solidarietà per Parigi

Da piazza del Popolo a Roma la solidarietà per gli attentati. Tutte le bandiere a mezz'asta in segno di lutto

Roma risponde all'attacco terrorista di Parigi ritrovandosi a piazza del Popolo (alle 17,30). Dopo il divieto del prefetto ad usare piazza Farnese, dove ha sede l'Ambasciata di Francia, per ragioni di sicurezza è in una delle piazze simbolo della Capitale che i mini sindaci hanno promosso una manifestazione per esprimere solidarietà e vicinanza al popolo francese.

Da piazza del Popolo a Roma la solidarietà per Parigi. Ma anche per dire no al terrorismo. E dietro lo striscione 'Con i cittadini di Parigi' un gruppo di giovani francesi ha intonato la Marsigliese. "Vogliamo chiedere alla città uno sforzo ulteriore per dare un segnale di unità e per stare con la Francia, Parigi e Europa contro ogni tipo di violenza, razzismo - dicono i minisindaci della Capitale che hanno lanciato l'iniziativa di oggi in piazza - Dobbiamo cercare di essere lucidi affinché non si arrivi ad una discussione di scontro tra religioni". In piazza esponenti del Pd, della comunità ebraica di Roma, dell'Anpi e dei sindacati.

Mentre è in corso la manifestazione a piazza del Popolo, piazza Farnese, sede dell'Ambasciata di Francia a Roma, riceve fiori e candele in un continuo via vai dei cittadini che desiderano esprimere la loro solidarietà al popolo d'oltralpe.

"E' l'ora del coraggio - annuncia a nome di tutti i minisindaci Daniele Torquati -. Tutta la città sia con noi e accolga il nostro invito a partecipare ad una manifestazione oggi pomeriggio in piazza del Popolo. Un momento che unisca al di lá delle differenze politiche, lontano dalle polemiche, ma vicino a quel senso di unità nazionale di cui ora abbiamo bisogno per respingere ogni estremismo e ogni cieca violenza. Senza bandiere se non quelle della pace, della Francia, dell'Italia". Bandiere "di quei Paesi che sono l'Europa, la nostra civiltà, il nostro modo di vivere e stare insieme. Facciamo appello alla città e al suo coraggio - continua -. Siamo Parigi. Siamo contro il terrorismo a difesa della nostra vita e della nostra libertà. E vogliamo essere tanti. Perché il terrorismo sappia che Roma risponde e lo fa a viso aperto".

"Abbiamo seguito con sgomento questa notte di orrore e di tragedia a Parigi. Le parole non possono restituire il dolore che stiamo provando per i cittadini della capitale francese, unita a Roma da un sentito gemellaggio. Per questo aderiamo convintamente alla manifestazione di oggi pomeriggio a piazza del Popolo". Così in una nota il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio, Claudio Di Berardino, il responsabile della Cisl di Roma Capitale, Mario Bertone e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Alberto Civica. "Possiamo solo esprimere il nostro cordoglio al popolo francese - aggiungono - in particolare alle famiglie delle vittime, e condannare fermamente ogni forma di terrorismo che vuole minare la pacifica convivenza. Oggi è una giornata di lutto, profondissimo, per chi crede nei valori della tolleranza e della solidarietà fra i popoli".

Cei, domani preghiera in tutte le chiese italiane - La Chiesa italiana, "profondamente colpita dagli attacchi terroristici che hanno insanguinato Parigi, si stringe solidale alla Chiesa che è in Francia e a tutto il suo popolo". Lo afferma una nota della presidenza della Conferenza episcopale italiana, assicurando che "in tutte le comunità cristiane domani, giorno che fa memoria della Risurrezione del Signore, la preghiera si eleverà unanime in suffragio delle vittime e in segno di vicinanza fraterna ai feriti e alle loro famiglie, come a tutti i soccorritori". La nota informa inoltre che il card. Angelo Bagnasco, vice-presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d'Europa, "nel condannare la strategia del terrore che si esprime in questo nuovo attentato all'umanità, rilancia l'impegno di tutta la comunità ecclesiale a contribuire fattivamente alla convivenza sociale, alla riconciliazione e alla pace".

Tutte le bandiere a mezz'asta - Bandiere a mezz'asta in segno di lutto oggi e domani. E' quanto ha deciso una circolare di Palazzo Chigi in solidarietà agli attacchi a Parigi. 

Appello, alle 22 accendere candele alle finestre - Accendere una candela su tutte le finestre delle abitazioni, questa sera alle 22, come segno di solidarietà con il popolo francese e di condanna per il massacro avvenuto a Parigi: è l'appello rivolto a "tutte le nazioni, etnie e religioni diverse" che circola su WhatsApp. "Siamo tutti fratelli! che brilli ovunque lo spirito di vita e non bagliori di morte" si legge nel messaggio, che si conclude con un invito al passaparola.

"Eventuali manifestazioni di solidarietà al popolo francese" si svolgeranno "in luoghi diversi da Piazza Farnese" per "assicurare all'Ambasciata di Francia, in questo particolare momento, le migliori condizioni di serena funzionalità". E' la decisione prese stamani in una riunione di coordinamento delle Forze di polizia, presieduta dal Prefetto di Roma Franco Gabrielli.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA