• Scuola in piazza, tensioni e feriti a Milano e Napoli. Due studenti sottoposti a fermo

Scuola in piazza, tensioni e feriti a Milano e Napoli. Due studenti sottoposti a fermo

Previste manifestazioni in diverse città a partire dalla capitale. Lo sciopero proclamato da Cobas e Anief

Sono stati entrambi sottoposti a fermo di polizia giudiziaria i due giovani condotti in Questura per accertamenti, dopo gli scontri durante il corteo degli studenti a Napoli. Uno è stato accompagnato con un'ambulanza nell'ospedale Vecchio Pellegrini dove viene sottoposto a cure mediche.

Tensione, cariche, scontri e alcuni feriti a Napoli e a Milano durante le manifestazioni contro la riforma della 'buona scuola' di Matteo Renzi. "Siamo in 7mila", dicono gli organizzatori del corteo di Roma, la principale delle manifestazioni, dove studenti e prof si sono dati appuntamento per dire no alla 'distruzione della scuola pubblica'. Dopo aver manifestato sfilando in corteo per le vie della Capitale ora studenti e docenti stanno protestando davanti Montecitorio.

NAPOLI - Due giovani e quattro poliziotti sono rimasti feriti durante l'azione di alleggerimento che le forze dell'ordine hanno eseguito quando il corteo degli studenti in corso a Napoli si stava avvicinando a piazza Trieste e Trento per dirigersi verso la sede di Confindustria.  Due giovani sono stati portati in Questura. Al momento la Polizia sta valutando la loro posizione anche visionando le immagini dei sistemi di videosorverglianza della zona. I due ragazzi feriti avrebbero rifiutato le cure per poi allontanarsi.

MILANO - Durante una carica di alleggerimento avvenuta attorno alle 11.40 in via Pola, a Milano, un professore di 50 anni e una ragazza di 18 sono stati colpiti alla testa riportando un taglio. "Sono stato colpito da una manganellata della polizia - ha raccontato all'ANSA il docente che lavora in un istituto professionale milanese -, ero a volto scoperto". La ferita non sarebbe grave e per ora è stata tamponata con un sacchetto col ghiaccio. Lo stesso vale per la studentessa. Entrambi sono stati medicati sul posto.

ROMA - Tra i cartelli e gli striscioni esposti davanti al Miur 'No all'applicazione della legge 107, al preside-padrone che valuta assume e licenzia', 'Quota 96 scuol'ancora ai lavori forzati ed i precari disoccupati', 'Pensionare i prof? Solo a 100 anni se scompagnati dai genitori'. Tante le bandiere rosse dei Cobas. I prof sfileranno poi nella Capitale in corteo fino a Montecitorio.

TORINO - Alcune centinaia di studenti delle scuole superiori manifestano in corteo, nel centro di Torino, contro 'La buona scuola'. I manifestanti, tra cui alcuni insegnanti aderenti alla Cub, hanno acceso alcuni fumogeni. Imbrattati i muri di una banca.

I SINDACATI - Cobas e Anief hanno indetto lo sciopero generale. L'Anief denuncia "le incostituzionalità della buona scuola, i tagli dell’ultima legge di stabilità e le risorse irrisorie per il rinnovo contrattuale previste nel nuovo disegno di legge di stabilità 2015". "Troppi tagli - si legge in una nota - alle supplenze brevi, nessuna risposta alla Corte europea, alcuna stabilizzazione per il personale docente, ata, educatore e dirigente, trasferimenti al buio, nessun rimborso per l’indennità di vacanza contrattuale, ancora disparità tra precari, neo-assunti e immessi in ruolo, il fondo discrezionale del merito, la chiamata diretta, il diritto allo sciopero sono alcuni dei punti contestati che vedranno in piazza anche Cobas e Unicobas".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA