Sarà ricostruito rifugio Monte Vettore

Non solo escursionismo, anche monitoraggio faglia

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 30 OTT - Il rifugio Zilioli sul Monte Vettore, reso totalmente inagibile dal sisma del 2016, sarà ricostruito ex novo grazie al contributo di 185mila euro della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno. Il rifugio fu costruito negli anni '60 e successivamente ampliato dai soci della Sezione Cai di Ascoli, sulla base di un atto della Comunanza Agraria di Pretare del 1958 con cui si deliberava "di concedere gratuitamente al Club Alpino Italiano di Ascoli un'area di circa 50 mq a quota 2.240 in località Sella delle Ciaule sul monte Vettore" e di autorizzare "il Club Alpino di Ascoli a costruire in detta area la capanna ricordo 'Tilo Zilioli'", in memoria del forte alpinista ascolano deceduto il 30 marzo 1958 a soli 24 anni, durante una salita invernale al monte Vettore. Al posto del manufatto artigianale, il "popolo della montagna" troverà ad accoglierlo un rifugio sicuro, moderno e accogliente, che ricorderà nella sua sagoma le forme della casetta di pietra a doppia falda, tanto familiare agli amanti dei Sibillini. Il rifugio è accessibile da Arquata del Tronto (nel cui territorio ricade), Montegallo, Montemonaco, oltre che da Castelluccio di Norcia. Nell'anno precedente il sisma che lo ha reso inutilizzabile, sono stati oltre 120 gli escursionisti che vi hanno pernottato, utilizzando la piattaforma telematica di prenotazione. I finanziamenti ulteriori dell'Avis provinciale e della Società Alpinisti Tridentini permetteranno di ampliare la sua funzione ad importanti e utili aspetti scientifici, come il monitoraggio della faglia, cui potrebbe essere interessata l'Università di Camerino, oppure una piccola stazione meteo. Si pensa anche di dotare il rifugio di tecnologie volte a migliorarne la fruibilità, come la produzione di energia eolico/solare, oppure un software di controllo remoto di prenotazioni e ingressi. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: