Crimi, serve ricostruzione di qualità

Sottosegretario ad Ancona,per controlli da procedure a sostanza

(ANSA) - ANCONA, 28 FEB - "Lo Stato è presente, con prefetture, governo, forze dell'ordine, procure, per vigilare che nessuno approfitti della situazione. La ricostruzione deve essere di qualità perché non succedano più le tragedie del passato". Lo ha detto, avvertendo le organizzazioni criminali che possano avere "appetiti" per i cantieri di ricostruzione post terremoto, il sottosegretario con delega alle aree sismiche Vito Crimi dopo la firma ad Ancona di un protocollo in prefettura, di cui sono parti anche la Struttura di Missione per in contrasto Antimafia sisma e la procura nazionale antimafia, per impedire infiltrazioni mafiose nei cantieri del 'cratere' marchigiano. Parlando di controlli, Crimi ha precisato: "credo che bisogna semplificare alcune cose, passare dal procedure alla sostanza: i controlli devono essere fatti nella sostanza e non solo come semplici carte o procedure. Tanti elementi che sono stati introdotti dalla legge sul terremoto per il centro Italia - ha aggiunto - appesantiscono il procedimento che oggi è a carico di persone che scontano la perdita delle abitazioni, del tessuto sociale. Non possiamo appesantirli ulteriormente serve una regolamentazione speciale. Abbiamo in mente alcuni interventi che possono rilanciare la ricostruzione pubblica che è forse più problematica perché è quella che ha bisogno di più tempo e maggiori controlli, anche la più grossa, una ricostruzione che fa da traino a quella privata".(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA