Nuovo arredo urbano per Norcia

Sarà offerto dalla fondazione eLand di Lugano

(ANSA) - PERUGIA, 11 SET - Norcia e le sue frazioni avranno un nuovo arredo urbano, offerto dalla Fondazione eLand di Lugano. E' stato presentato a Perugia, presso la sala conferenze della Galleria Nazionale dell'Umbria, dal sindaco Nicola Alemanno e dal presidente della stessa fondazione, l'architetto Matteo Ferroni. Il nuovo look della Norcia ricostruita dopo il terremoto sarà ideato entro fine anno e "successivamente sottoposto a tutti i livelli istituzionali (Ente parco dei Monti Sibillini, Soprintendenza alle belle arti e al paesaggio dell'Umbria e Regione) così da arrivare all'attuazione del progetto attraverso un percorso condiviso", ha detto Alemanno. "Sarà importante rendere partecipi anche i cittadini" ha quindi sostenuto Ferroni. "Il nuovo arredo - ha aggiunto - sarà di certo omogeneo e rispettoso del grande patrimonio artistico, culturale e paesaggistico presente nella città di San Benedetto e nel suo territorio". Al momento una linea guida di come si interverrà ancora non c'è. Ma "l'intento - ha detto ancora Ferroni - è quello di fornire servizi moderni che possano dare un grande respiro internazionale alla città che con il suo Santo è una delle città simbolo d'Europa". Il nuovo piano di arredo urbano interesserà, tra l'altro, anche le attività commerciali e in particolare bar e ristoranti che fanno dello spazio pubblico esterno un punto di forza. "Sarà uno strumento snello e permetterà di avere una città ordinata e funzionale", ha sottolineato il sindaco. Presente alla conferenza stampa anche il direttore generale della eLand, Guido Busti. "Da perugini quali siamo - ha aggiunto -, abbiamo voluto con questo progetto offrire al territorio un segno tangibile che possa costituire un ulteriore passo verso la completa rinascita di Norcia e delle sue frazioni". L'elaborato che verrà redatto dalla Fondazione interesserà anche I borghi di Castelluccio, San Pellegrino, Ancarano, Nottoria e Campi di Norcia. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA