Riapre basilica San Nicola a Tolentino

Fruibili Cappella Sante Braccia e parte del Cappellone

(ANSA) - TOLENTINO (MACERATA), 16 DIC - Tantissime persone, venute anche da fuori regione, hanno partecipato alla cerimonia di riapertura della Basilica di San Nicola, dopo i lavori di messa in sicurezza che hanno consentito di rendere nuovamente fruibili, dopo un controllo accurato del soffitto a cassettoni e dopo il montaggio di una rete di protezione, la navata centrale, la Cappella delle Sante Braccia dove è stato sistemato il corpo del Santo e il Cappellone trecentesco i cui preziosi affreschi sono in parte visibili: è stata rimossa l'impalcatura più bassa che consente la visione della fascia che narra la vita e i miracoli di San Nicola. Il lavoro più complesso di messa in sicurezza ha interessato lo spazio di collegamento tra la navata centrale, il Cappellone e la cappella delle Santa Braccia, particolarmente danneggiato. Ad aprire il grande portone realizzato per il settimo centenario della morte di san Nicola sono stati il vescovo di Macerata Nazzareno Marconi, il sindaco Giuseppe Pezzanesi, padre Luciano De Michieli, priore provinciale degli Agostiniani d'Italia, e padre Giustino Casciano, priore della Comunità Agostiniani di Tolentino, insieme al vescovo emerito di Fabriano Giancarlo Vecerrica. Secondo padre De Michieli, "la riapertura è anche un nuovo inizio per ricostruire le nostre comunità tanto provate dal terremoto". Nel corso della messa solenne, accompagnata dalla Schola Cantorum "G. Bezzi" della Basilica di San Nicola, il vescovo Marconi ha illustrato la pala "Lo sposalizio mistico di Santa Caterina tra i Santi Agostino, Nicola e Apollonia" a cui sono stati nuovamente affiancati "L'Eterno" in cornice cuspidata e "La deposizione" che facevano parte di un'unica opera dipinta tra il 1518 e il 1525, attribuita a Marchisiano di Giorgio, un pittore tolentinate di origine slava recentemente riscoperto da Giorgio Semmoloni. La parte centrale della grande "cona" è stata rinvenuta, qualche anno fa, nei depositi della Galleria Nazionale di Arte Antica di Roma.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA