Sisma, mozioni Marche per snellire iter

Via libera unanime Consiglio Marche a tre atti indirizzo

(ANSA) - ANCONA, 28 NOV - Recepire i rilievi della rete dei professionisti sulla normativa per la ricostruzione, alleggerire le procedure e per ampliare i beneficiari delle riduzioni di imposta per la "busta paga pesante", semplificare le procedure per il post sisma. Lo prevedono rispettivamente tre mozioni a cui il Consiglio Regionale delle Marche ha dato il via libera unanime in serata. Il primo atto, a firma dei consiglieri Sandro Bisonni (Verdi), Francesco Micucci (Pd), Boris Rapa (Socialisti), Gianluca Busilacchi (Art.1), Fabio Urbinati (Italia Viva), impegna presidente e Giunta regionale "a farsi portavoce affinché sia accolto il maggior numero di istanze proposte dalla Rete delle Professioni Tecniche" per rendere più snello l'iter. Accolta anche la mozione a iniziativa dei consiglieri Francesco Giacinti, Andrea Biancani, Francesco Micucci, Enzo Giancarli (Pd), Sandro Bisonni (Verdi), Peppino Giorgini (M5s), Sandro Zaffiri (Lega), Elena Leonardi (Fdi): impegna l'esecutivo a chiedere al Governo, attraverso un provvedimento specifico, "un credito di imposta nei confronti degli aventi diritto allo strumento busta paga pesante che non se ne sono avvalsi, al fine di rimuovere lo stato di disparità di trattamento venutosi a creare". Il decreto in questione prevede uno sconto del 60% degli importi da restituire. Infine via libera unanime alla mozione a firma dei consiglieri Boris Rapa e Moreno Pieroni (Uniti per le Marche-Socialisti) su "Interventi urgenti in favore delle popolazioni e dei territori interessati dagli eventi sismici del 2016 - Richiesta semplificazione procedure per la ricostruzione". E' stata sottoscritta in aula anche da altri consiglieri.(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA