Sisma, Parmigiano sostiene Favalanciata

Comunità slow food Ascolano in stand ente emiliano fiera Cheese

(ANSA) - ANCONA, 22 SET - Un legame profondo "confermato" quello tra il Consorzio Parmigiano Reggiano ed il progetto socio gastronomico dell'Alta Valle del Tronto. L'ente emiliano ha ospitato il 21 settembre 2019 la neonata Comunità Slow Food di Favalanciata di Acquasanta Terme (Ascoli Piceno) nel suo spazio espositivo nella fiera internazionale dei formaggi "Cheese" a Bra (Cuneo). Durante l'incontro il presidente del Consorzio emiliano Nicola Bertinelli, alla presenza del padrone di casa Piero Sardo presidente delle Biodiversità Slow Food, ha rilasciato un attestato e confermato l'impegno per aiutare la rinascita dell'area rurale di Favalanciata. Elogi al portavoce della comunità di Favalanciata Matteo Mattei con altri attivi rappresentanti del progetto socio gastronomico "La Favalanciata" per valorizzare la coltivazione della fava. Il legame tra le realtà terremotate del Centro Italia e la filiera del Parmigiano Reggiano è profondo. Nel 2012 anche i produttori emiliani furono colpiti dal sisma. Il Consorzio, forte di quell'esperienza, ha valutato quale fosse il modo migliore per dimostrare la propria solidarietà e ha deciso di aiutare alcune realtà Slow Food del Centro Italia per agevolare la rinascita del territorio messo in ginocchio dal sisma.(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA