Inchieste Marche partite da esposti M5s

Nel mirino consigliere Sae, case per terremotati e sms solidali

(ANSA) - ANCONA, 3 SET - Ha preso il via da una serie di esposti del consigliere regionale marchigiano di M5s Peppino Giorgini il voluminoso fascicolo di inchiesta sulle presunte irregolarità legate al terremoto aperto dalla Procura di Ancona. Giorgini, non nuovo a iniziative di tipo giudiziario anche su altri aspetti della vita amministrativa e politica, ha presentato almeno cinque esposti e una lunga relazione su vari argomenti: a partire dal Consip che ha ordinato le Sae (Soluzioni Abitative di emergenza) con procedure d'urgenza, anche se poi le casette per i terremotati sono ancora in fase di consegna, due anni dopo le prime scosse che hanno devastato il Centro Italia. E su appalti e subappalti per la realizzazione delle casette, una tranche in cui risultano indagati per abuso d'ufficio e falso in atto pubblico il capo della Protezione civile regionale delle Marche David Piccinini, due dirigenti dell'Erap e il responsabile del procedimento. Sempre Giorgini ha attirato l'attenzione della magistratura su un capannone industriale a Tolentino nei pressi del Cosmari da trasformare in appartamenti per i terremotati, un'operazione che però sarebbe al di fuori dell'acquisto degli immobili invenduti da parte della Protezione civile da assegnare agli sfollati e a chi è rimasto senza casa. Altro tema battuto dal consigliere regionale pentastellato la destinazione dei fondi per gli sms solidali, una parte dei quali - sostiene - andati a migliorie per la strada Valdaso, tra le province di Fermo e Ascoli Piceno. E ancora la possibile presenza di amianto tra le macerie del terremoto. Argomenti di cui lo stesso Giorgini ha parlato più volte in Consiglio regionale, dopo avere presentato varie interrogazioni. Al momento tutto è ancora ricompreso nel fascicolo della Procura di Ancona che potrebbe, all'esito delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, sdoppiarsi in diversi filoni, magari affidati a differenti Procure.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: