Ad Amatrice restaurata fontana simbolo

Intervento possibile con donazione scrittrice Marta Lock

Torna al suo antico splendore la fontana di Sant'Agostino di Amatrice (Rieti). La fontana, simbolo del comune reatino colpito dal sisma, è situata davanti a ciò che resta della Chiesa di Sant'Agostino, nei pressi di Porta Carbonara, ed è un monumento molto caro agli amatriciani. Le scosse del 24 agosto 2016 e le successive l'avevano risparmiata ma aveva subito delle lesioni. L'intervento di restauro, realizzato dalla TecnicoN, con la direzione lavori dell'Architetto Maria Grazia Fuggetta, è stato possibile grazie ad una donazione della scrittrice Marta Lock, che ha voluto donare ad Amatrice i diritti d'autore del suo libro 'Pensieri per l'Arte'. A sostenere l'iniziativa anche Sofia Zafiropoulou, medico chirurgo specialista e presidente della Comunità Ellenica Milanese e l'Associazione Terra di Amatrice Onlus.

"La comunità di Amatrice - afferma in una nota il sindaco facente funzione Filippo Palombini - è grata a chi le è vicina, a chi contribuisce alla sua rinascita, una rinascita che passa necessariamente per i suoi simboli. E la fontana di Sant'Agostino è un simbolo per ciascuno di noi. Grazie dunque ai donatori e ai restauratori per questo bellissimo gesto di solidarietà che si traduce in un'opera concreta, preziosa, importante". La fontana sarà inaugurata e restituita alla città sabato 12 maggio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA