Terremoto, 40 mln a strade Abruzzo

D'Alfonso, lavorato perché fosse Anas a gestire interventi

(ANSA) - PESCARA, 6 DIC - Quaranta milioni di euro, finanziati con risorse statali, per la realizzazione di 65 interventi di ripristino della viabilità provinciale e comunale, nei centri del cratere sismico 2016-2017. A gestire i lavori, che interessano le province di Teramo, L'Aquila e Pescara, sarà l'Anas, nonostante si tratti di strade che non sono di competenza della società. Il piano, terzo tralcio del programma che ha visto altri due momenti nei mesi scorsi, è stato illustrato in conferenza stampa dal presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso, che ha sottolineato il ruolo dell'Anas, soprattutto considerando le difficoltà che le Province potrebbero incontrare nella gestione degli iter burocratici delle opere. "Non per conflitto di interessi - ha detto il governatore - ma ho lavorato affinché fosse l'Anas a fare tutto. Sono molto contento per l'univocità del soggetto attuatore, perché l'Anas ha competenza, expertise e bravura. C'è qualche eccezione in provincia di Teramo per la sollecitudine che ha dimostrato l'Ente provinciale, ma nel 99 per cento dei casi è l'Anas che opera su viabilità provinciale e comunale danneggiata dalle sollecitazioni sismiche". Il fatto che sia l'Anas ad occuparsi degli interventi, secondo il presidente "consentirà di accelerare la procedimentalizzazione del programma, riducendo i tempi per l' apertura dei cantieri e l'esecuzione dei lavori, così da garantire il ripristino della fruibilità di arterie fondamentali per la vita e l'economia delle aree colpite dal terremoto". "Abbiamo portato a casa interventi rilevantissimi", ha aggiunto D'Alfonso, citando, tra l'altro, Civitella del Tronto, "rasa al suolo anche in ragione di una frana sismoindotta", Teramo città, con "l'importante ponte, e mi dispiace che lì non ci sia un sindaco adesso", Roccamorice, dove c'è il rischio caduta massi, Castiglione a Casauria, per "il ponte che ha quasi cento anni di storia", Vicoli, dove "la viabilità è stata interrotta per il terremoto e per il maltempo". Nel dettaglio i finanziamenti riguardano la viabilità di Teramo (10 milioni 519 mila), Capitignano (960 mila euro), Vicoli (577 mila), Sant'Eufemia a Maiella (517 mila), Castiglione a Casauria (2 milioni 219 mila), Roccamorice (2 milioni 663 mila), Colledara (un milione 554 mila), Cortino (2 milioni 722 mila), Tossicia (un milione 219 mila), Campli (2 milioni 367 mila), Isola del Gran Sasso (37 mila), Torricella Sicura (3 milioni 934 mila), Civitella del Tronto (3 milioni 19 mila), Sant'Omero (503 mila), Bellante (666 mila), Cellino Attanasio (192 mila), Castel Castagna (3 milioni 546 mila), Atri (un milione 35 mila). (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA