Beni culturali: Vie dei Tesori da record, 307mila visitatori

Successo a Palermo e Catania e in altre 13 città della Sicilia

(ANSA) - PALERMO, 4 NOV - Le Vie dei Tesori, la manifestazione nata con lo scopo di fare conoscere i luoghi più belli e meno noti della Sicilia, chiude la sua tredicesima edizione con numeri da record. Con un affettuoso "assalto" nelle ultime ore della manifestazione, soprattutto a Palermo dove si sono registrate lunghe code nei siti più amati.
    Palermo quindi "chiude" il suo ultimo fine settimana con 57 mila visitatori, Catania migliora le performance dell'ultimo weekend e aggiunge 6 mila visitatori. In totale i cinque weekend di questa seconda tranche del festival hanno messo insieme il numero enorme di 307 mila a Palermo e Catania, aggiungendo anche Ragusa, Modica e Scicli, presenti nei primi tre fine settimana di ottobre. Ma vanno aggiunti i numeri della prima tranche del festival, a cui hanno partecipato altre dieci città siciliane.
    "E' il successo delle città. Delle istituzioni pubbliche, delle associazioni, delle cooperative, dei privati che mettono a disposizione i loro luoghi per quello che è prima di tutto un grande laboratorio collettivo di narrazione - dice Laura Anello, presidente dell'Associazione Le Vie dei Tesori onLus - E' il successo dei 500 ragazzi impegnati nel progetto a Palermo e dei 150 a Catania: collaboratori, tirocinanti e studenti universitari, studenti in alternanza scuola-lavoro sulle cui parole ha viaggiato il racconto della città. Il successo degli artisti che hanno teatralizzato e musicato le visite. Il successo dello straordinario staff del Festival che lavora ogni giorno dell'anno nella progettazione, nell'organizzazione, nella formazione, nella comunicazione, della manifestazione con un impegno indefesso. Il successo dei cittadini, che diventano protagonisti nella propria città e parte di questa narrazione urbana. Il successo delle città del Sud, che sfidano quello che Tomasi di Lampedusa chiamava 'il peccato di fare'." Tra il pubblico palermitano, anche l'assessore regionale all'Istruzione Roberto Lagalla che ha assistito alla visita condotta al laboratorio e al teatro dell'Opra da Mimmo e Giacomo Cuticchio; e ha "scoperto" con interesse l'oratorio della Carità di San Pietro ai Crociferi con la splendida cappella affrescata dal Borremans. "Le Vie dei Tesori è una iniziativa straordinaria che è entrata di diritto tra i grandi eventi della Regione Siciliana - ha detto Lagalla -. Ho il piacere di averla tenuta a battesimo anche negli anni in cui ero Rettore, confermando l'appoggio dell'Università. Il festival gode dell'appoggio del Fondo sociale europeo che serve ad avviare i giovani all'alternanza scuola lavoro e alla prospettiva dell'occupazione. Un banco di prova importante per mettere a frutto le competenze acquisite nei percorsi formativi e contribuire alla promozione della Sicilia e delle sue bellezze".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere