Musica e arte a Palermo con 'Le mani nel Jazz'

Il 20 ottobre concerto Diego Spitaleri con opere Massimo Moavero

(ANSA) - PALERMO, 12 OTT - Un evento nell'evento quello proposto all'interno dell'iniziativa "Le Mani nel Jazz" con il concerto del pianista palermitano Diego Spitaleri che si esibirà al Real Teatro Santa Cecilia il 20 ottobre alle ore 19.00 assieme ai suoi amici della Fondazione the Brass Group. Con lui sul palco Vito Giordano solista dell'Orchestra Jazz Siciliana del Brass e Direttore della Scuola Popolare di Musica, Carmen Avellone, Giuseppe Costa, Fabio Lannino e l'allievo della Scuola di Musica del Brass Ciccio Foresta. Durante l'esibizione verrà proiettato un video che riprende i quadri appartenenti alla mostra "Le Mani nel Jazz" di Massimo Moavero, designer ed artista palermitano. L'amicizia tra Spitaleri e Moavero è di lunga data; per questo i due artisti si sono uniti per realizzare un evento all'insegna dell'arte musicale e figurativa. "Unire la musica all'arte figurativa - dice Spitaleri - è sicuramente per un artista un grande momento culturale e di espressione jazzistica che va a completare l'essenza interiore, nel mio caso, di un pianista. Per tale ragione ho sposato subito, non appena proposto da Massimo Moavero, la realizzazione di un mio concerto durante l'esposizione della mostra 'Le Mani nel Jazz', chiamando sul palco anche i miei amici musicisti. L'idea è dunque quella di creare un concerto dedicato alla musica d'improvvisazione e contemporanea pensando alle arti figurative".
    La mostra completa che racchiude diverse opere d'arte di Massimo Moavero potrà essere visionata il 26 ottobre con inaugurazione alle ore 18.30 presso la galleria d'arte Lupo'Art in via Terrasanta, 56, ad ingresso gratuito. La mostra resterà esposta sino al 16 novembre dal martedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle 16.30 alle 19.45.(ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        vai

        ANSA ViaggiArt

        Al confino a Ustica, testimonianze antifasciste

        Tra il 1926 e il 1927 nella piccola isola vennero confinati molti esponenti della sinistra italiana, da Gramsci a Bordiga. La testimonianza del loro passaggio in una mostra a Palermo

        Confino degli antifascisti a Ustica, mostra di foto a Palermo (ANSA)