Gabrielli, bene comunità si riconosce Ps

Capo polizia a Recanati, piazzale per agente ucciso a Palermo

(ANSA) - RECANATI (MACERATA), 23 SET - "Ogni volta che le comunità si riconoscono nelle forze di Polizia è il riconoscimento più compiuto della nostra missione". Così a Recanati il capo della polizia Franco Gabrielli alla intitolazione del piazzale antistante il palazzo comunale all'agente Roberto Antiochia, ucciso dalla mafia a 23 anni a Palermo insieme al vicequestore Ninni Cassarà. Il plauso di Gabrielli è andato al questore di Macerata Antonio Pignataro che "ha fortemente voluto l'iniziativa coinvolgendo anche i ragazzi delle scuole" e un ringraziamento al sindaco di Recanati Antonio Bravi "per aver dedicato un pezzo di questo straordinario territorio a Roberto Antiochia" che "non è solo un collega ma porta con sé il messaggio di quanto l'indifferenza sia il male peggiore del nostro tempo.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      vai

      ANSA ViaggiArt

      Al confino a Ustica, testimonianze antifasciste

      Tra il 1926 e il 1927 nella piccola isola vennero confinati molti esponenti della sinistra italiana, da Gramsci a Bordiga. La testimonianza del loro passaggio in una mostra a Palermo

      Confino degli antifascisti a Ustica, mostra di foto a Palermo (ANSA)