Alimentare: a San Vito lo Capo 22/a edizione Cous Cous Fest

Da domani fino al 29 settembre in gara chef 7 Paesi Med e Unhcr

(ANSAmed) - SAN VITO LO CAPO (TRAPANI), 19 SET - Chef provenienti da diversi paesi dell'area Med, cooking show, sfide di cucina, lezioni di cous cous, incontri e spettacoli all'insegna dello slogan "Make cous cous not walls". Si apre domani, a San Vito lo Capo, la 22\esima edizione del Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell'integrazione culturale, coprodotto dall'agenzia di comunicazione Feedback in collaborazione con il Comune di San Vito Lo Capo. Fino al 29 settembre la cittadina del trapanese ospitera' il festival dedicato al cous cous, piatto semplice e povero nato tra le dune del Maghreb, che torna ad essere il simbolo dello scambio e del dialogo tra i popoli mediterranei, pretesto per mettere insieme religioni, culture e tradizioni diverse attraverso il cibo. Quest'anno saranno sette i paesi partecipanti al Campionato del mondo di cous cous, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal, Stati Uniti e Tunisia cui si aggiunge un team composto da due rifugiati politici in Italia, Basim Alfatlaw (Iraq) e Jamol Ismail Ssali (Uganda), sotto la "bandiera" dell'Unhcr, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.
    "Il Cous Cous Fest è un appuntamento internazionale, dalla tradizione ultra ventennale, l'evento di punta del territorio che porta alto il nome di San Vito Lo Capo nel mondo. La nostra cittadina - dice Giuseppe Peraino, sindaco di San Vito Lo Capo - tornerà ad ospitare chef internazionali, grandi ospiti e artisti per una festa all'insegna del gusto, del divertimento e del confronto tra culture". Il Cous Cous Fest diventerà anche un format tv diretto dal regista siciliano Riccardo Cannella, vincitore di 7 premi internazionali per la miglior regia, che sarà a San Vito Lo Capo con il suo staff per riprendere le fasi più salienti dell'evento. Ad aprire il festival, domattina, l'evento "Food4Excellence", organizzato da UniCredit: due tavole rotonde dedicate alla valorizzazione del territorio partendo dalle eccellenze e al potenziamento del made in Sicily attraverso. Nel pomeriggio prende il via il Campionato italiano Bia CousCous che vede in gara cinque chef provenienti da tutta Italia che gareggeranno per entrare a far parte della squadra "azzurra" che parteciperà al Campionato del mondo di cous cous. Sono oltre trenta le ricette di cous cous tra cui scegliere nei menu proposti dalle Case del cous cous, i tradizionali punti di degustazione: dalla ricetta locale, a base di pesce, alle varianti più curiose delle tradizioni internazionali, a base di montone, pollo e carni miste senza dimenticare le ricette vegetariane, compresa una senza glutine. In programma anche lezioni di cous cous, cooking show con grandi protagonisti della cucina tra cui Sergio Barzetti, Andy Luotto, Chiara Maci, Filippo La Mantia e Giorgione. Nell'ambito del Festival sono in programma anche numerosi concerti, il primo dei quali domani sera con Noemi.
    (ANSAmed).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        vai

        ANSA ViaggiArt

        Al confino a Ustica, testimonianze antifasciste

        Tra il 1926 e il 1927 nella piccola isola vennero confinati molti esponenti della sinistra italiana, da Gramsci a Bordiga. La testimonianza del loro passaggio in una mostra a Palermo

        Confino degli antifascisti a Ustica, mostra di foto a Palermo (ANSA)