Gdf sequestra 4 mln beni a clan Trigila

Riconducibili a Albergo Waldeker, sigilli anche a locali di Noto

(ANSA) - SIRACUSA, 09 LUG - La Guardia di finanza Catania ha sequestrato beni per oltre 4 milioni di euro riconducibilia Domenico 'Rino' Albergo Waldker, 57 anni, esponente di spicco del clan siracusano Trigila dell'ominimo boss Antonino Trigila.
    Il provvedimento è del Tribunale di Catania su richiesta della Dda etnea. Le Fiamme Gialle hanno spiegato che Albergo Waldker "forte della sua indiscussa, storica caratura criminale e della capacità intimidatoria derivante dalla sua appartenenza al cartello mafioso "Nardo-Aparo-Trigila", a partire dagli anni Duemila, acquisisce attività di ristorazione e bar al centro di Noto, la "capitale del Barocco". Il patrimonio sequestrato è costituito da 2 terreni e da 9 fabbricati (tra i quali una villa residenziale costituita da più unità immobiliari suddivise tra i figli di Rino Albergo, ammodernata e rifinita, situata a Noto contrada Fiumara), 40 rapporti bancari, 5 autovetture, 3 motoveicoli e da sei imprese tra bar, pub, ristoranti.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        vai

        ANSA ViaggiArt

        Al confino a Ustica, testimonianze antifasciste

        Tra il 1926 e il 1927 nella piccola isola vennero confinati molti esponenti della sinistra italiana, da Gramsci a Bordiga. La testimonianza del loro passaggio in una mostra a Palermo

        Confino degli antifascisti a Ustica, mostra di foto a Palermo (ANSA)