Picchiò imprenditore, portato in carcere

Cannata massacrò Caruso e venne denunciato. Gip decide cella

    I carabinieri del nucleo investigativo di Palermo, hanno arrestato Antonio Cannata, 30 anni, accusato di aver aggredito massacrandolo di botte l'imprenditore Giovanni Caruso. Il pestaggio avvenne l'11 novembre. I carabinieri identificarono l'uomo ripreso nelle immagini delle telecamere di sicurezza presenti in zona. Caruso quella notte mentre rientrava a casa aveva notato una ragazza, fidanzata di Cannata, che stava piangendo chiedendole se avesse bisogno di aiuto. Dopo qualche minuto arrivò Cannata che aggredì l'uomo con calci e pugni, lasciandolo esanime a terra. Caruso ha riportato delle lesioni gravissime e permanenti. Poi Cannata fece salire la ragazza sullo scooter e insieme andarono via lasciando la vittima a terra. Cannata era stato denunciato per lesioni personali gravi. Il gip del Tribunale di Palermo dopo le indagini ha disposto la misura cautelare in carcere e l'indagato è stato portato in cella nel Lorusso di Pagliarelli.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere