Massoneria a Castelvetrano, 27 arresti

Anche ex presidente Ars Cascio ed ex deputato regionale di FI

(ANSA) - TRAPANI, 21 MAR - Operazione contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano, il paese natale del boss latitante Matteo Messina Denaro. Ventisette gli arresti da parte dei carabinieri che hanno notificato altri 10 avvisi di garanzia. Arrestati anche esponenti politici come l'ex deputato regionale di FI Giovanni Lo Sciuto, l'ex sindaco di Castelvetrano Felice Errante e l'ex presidente dell'Ars Francesco Cascio. Indagato l'ex rettore dell'Università di Palermo, e attuale assessore regionale alla Formazione, Roberto Lagalla.
    L'operazione è stata chiamata in codice "Artemisia". L'obiettivo della loggia sarebbe stato quello di orientare le scelte del Comune, nomine e finanziamenti e anche di ottenere notizie riservate sulle indagini della magistratura. Scoperto anche un sistema di corruzione al comune di Castelvetrano e all'Inps di Trapani, con la concessione di assegni d'invalidità in cambio di voti. Tra i reati contestati, corruzione, concussione, peculato, truffa, violazione della legge Anselmi.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere