Rifiuti: Palermo ancora sporca

Coordinamento associazioni, Orlando e Norata ci ricevano

      Superata la fase critica dell'emergenza rifiuti a Palermo, com'era stata definita dai vertici della Rap, la città continua ad essere sporca soprattutto sui marciapiedi. Gli spazzini nei quartieri, dal centro alle periferie, si vedono raramente. I cestini dei rifiuti di ultima generazione sono spesso traboccanti. In alcune strade vicine a giardini dove la gente porta i cani i contenitori sono pieni di sacchetti di feci che cadono a terra e con la pioggia diventano melma.

   A macchia di leopardo, poi, permangono zone dove vi sono cumuli di rifiuti della differenziata. Alcuni abitanti del centro storico si lamentano che i lavoratori preposti alla raccolta del vetro con i loro automezzi lavorando la notte fanno un chiasso infernale impedendo il sonno. Ne è consapevole, oltre ai cittadini e ai tanti turisti, anche il Coordinamento delle associazioni datoriali di categoria che ha chiesto un incontro urgente al sindaco Leoluca Orlando e all'amministratore unico della Rap, Giuseppe Norata, per rappresentare "la grave situazione in cui versa il sistema di raccolta dei rifiuti in città e per discutere delle ormai inaccettabili criticità inerenti il mal gestito e in alcuni casi il mancato ritiro dei rifiuti urbani che incidono sul regolare e decoroso svolgimento delle attività delle aziende che rappresentiamo e che devono fare i conti con i disservizi che danneggiano, tra l'altro, l'immagine dell'intera città".

   Il coordinamento raggruppa 15 sigle da Confcommercio Palermo a Sicindustria Palermo, da Confesercenti a Confartigianato e altri. Nella lettera inviata a Orlando e Norata è scritto: ''Desidereremmo essere convocati con urgenza ed in una data che vorrete indicarci per ricevere adeguate risposte sulle responsabilità e sulle soluzioni certe messe in campo per risolvere lo stato attuale e far in modo che non si riverifichino situazioni di tale gravità emergenziale, di cui siamo stati vittime durante il periodo festivo e attualmente ancora persistente".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere