In mostra motore volo cavallino rampante

Insegna poi adottata dalla Ferrari, aereo fu abbattuto in guerra

    Il mito di Francesco Baracca e la sua insegna personale del cavallino rampante, adottato poi dalla Ferrari, riaffiorano al museo storico dei motori dell'Università di Palermo. All'asso dell'aviazione italiana, morto nel 1918 durante la Grande Guerra, è dedicata una mostra, che al campus dell'ateneo resterà aperta fino al 7 ottobre. Oltre a documenti, schede e video, l'esposizione comprende anche l'originale motore aeronautico Hispano-Suiza 8 cilindri, che equipaggiava il velivolo pilotato da Baracca nella sua ultima missione. Il motore, in prestito dalle Forze armate, è uno dei reperti più importanti della collezione del museo storico dell'Aeronautica militare. Il motore venne recuperato alle pendici del Montello dove il velivolo di Baracca fu abbattuto da un aereo austro-ungarico comparso all'improvviso. Durante l'esposizione, il museo dei motori ospiterà anche la Targa Florio Classic alla quale è associata la manifestazione Ferrari Tribute dedicata alle vetture della casa del cavallino rampante.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere