Libri: biblioteca privata prof. Calandra donata alla città

Milletrecento volumi nella comunale di Villa Costa a Palermo

(ANSA) - PALERMO, 12 GIU - Milletrecento volumi della biblioteca privata del prof. Pietro Calandra sono stati donati dalla famiglia alla Biblioteca comunale Verde Terrasi di Villa Costa a Palermo. Docente, presidente della Accademia Letteraria Ciullo d'Alcamo, ma soprattutto cultore del pensiero laico e socialista e bibliofilo appassionato, lo studioso ha lasciato agli eredi Fausto ed Eliana Calandra una biblioteca privata di 10 mila volumi. Il patrimonio disperso della sinistra siciliana include non solo capacità progettuali ed impegno politico, ma anche storie di formazione ed impegno culturale che partivano dalle province dotte, dove le accademie culturali consentivano letture collettive, concorsi di poesia, corrispondenze con scrittori quali Quasimodo, Sciascia, Flaiano e con critici quali Barberi Squarotti, Grillandi, Cremaschi. Poeti ed artisti che non ritenevano la loro funzione intellettuale avulsa da quella civile e che non ritenevano accademie di poesia e cultura luoghi asfittici, bensì centri propulsori di cultura diffusa. Storie che talvolta si sono concretizzate in poderose biblioteche, private e sconosciute come quella del prof. Pietro Calandra donata alla città con l'auspicio che i libri siano fruibili al più presto e che siano un piccolo tassello nella rinascita della sinistra palermitana.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere