Armi in masseria, arrestati due fratelli

Operazione dei carabinieri in Sicilia nell'area dei Nebrodi

   Due fratelli allevatori pregiudicati di Tortorici (Messina) sono stati arrestati dai carabinieri di Enna dopo che nella loro masseria sono state scoperte armi e munizioni. L'operazione è avvenuta nell'ambito di una serie di controlli dei carabinieri della Compagnia di Nicosia e dello Squadrone eliportato Cacciatori "Sicilia" che da mesi stanno battendo palmo a palmo tutta l'area dei Nebrodi a nord della provincia di Enna e al confine con il Messinese.

    I militari della stazione di Cerami (Enna) hanno perquisito un fabbricato rurale in contrada Monte Acuto, nel Comune di Cesarò (Messina), di proprietà dei due fratelli, Leonardo e Aurelio Galati Rando, rispettivamente di 34 e 35 anni. Nascosti in una cavità di un muro a secco hanno trovato tre fucili artigianali calibro 22, un fucile da caccia calibro 16 e centinaia di cartucce di vario calibro per fucile a palla singola e spezzata.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere