Gettò figlia nel cassonetto:pg, 21 anni

Assolta in primo grado per incapacità di intendere e volere

(ANSA) - PALERMO, 15 MAG - Il sostituto procuratore generale di Palermo Emanuele Ravaglioli ha chiesto la condanna a 21 anni e due mesi di carcere di Valentina Pilato, la giovane palermitana che, a novembre del 2014, abbandonò la figlia, appena partorita, in un cassonetto, uccidendola. In primo grado la donna era stata dichiarata incapace di intendere e di volere e assolta dalla corte d'assise di Palermo. Il dibattimento di secondo grado si "gioca" tutto sulle perizie psichiatriche. Per i consulenti della difesa la Pilato non era in sé quando gettò, dopo averla partorita in casa, la neonata. Si liberò della bimba come si fa di "un oggetto pericoloso che la mente della madre si rifiuta di considerare un figlio", hanno sostenuto gli esperti per i quali la Pilato avrebbe un disturbo grave dell'umore che si "accompagna a vissuti dissociativi e paranoidei". Di diverso avviso i consulenti nominati dal gip in incidente probatorio che, pur ammettendo l'esistenza di un "disturbo di adattamento", ne hanno sostenuto la lucidità.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Avv. Santo Spagnolo - Studio Legale Spagnolo e associati

Studio legale Spagnolo e associati: Il “Le Fonti award” come miglior team 2017.

Avvocato Santo Spagnolo: “lavorare in sinergia è la nostra forza”.


Dott. Italo Garigale

Studio di chirurgia estetica Garigale: I laser frazionati: l’ultima frontiera della medicina estetica.

Dottor Italo Garigale: la nuova tecnica di ispirazione indiana permette interventi mini invasivi e tempi di recupero record.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere