Scrittori: seconda edizione concorso su Pirandello

Partecipano 500 studenti, in Libano anche una tesi di laurea

(ANSA) - PALERMO, 16 APR - L'esperienza vissuta ad Agrigento lo scorso anno da alcune studentesse di Beirut per il "Concorso Uno, nessuno, centomila" nel 150/o della nascita di Luigi Pirandello è diventata in Libano oggetto di tesi di laurea. Mona Rizk, la loro giovanissima docente d'Italiano del liceo Fakhr el Dine di Beirut ovest, ha conseguito la laurea magistrale all'Università Libanese - Facoltà di Lettere e Scienze Umane con uno studio sul tema della didattica nell'adattamento di un testo letterario in testo drammaturgico. La tesi s'intitola: "Dalla novella La Patente di Pirandello alla sceneggiatura 'La Patente della vita'". Relatrice la professoressa Caterina Carlini, lettrice d'italiano presso il Dipartimento di Italianistica, Centro di Lingue e di Traduzione della Facoltà. Per gli organizzatori, impegnati quest'anno dal 16 al 18 maggio nella seconda edizione del concorso, questo è uno di quegli imprevedibili e positivi effetti di iniziative culturali e formative sul grande scrittore e drammaturgo agrigentino.
    Pirandello unisce il mondo e cattura i giovani con temi sempre attuali e avvincenti. Emblematico è l'effetto moltiplicatore: dai 150 partecipanti della prima edizione si è passati quest'anno a circa 500, come si legge sul sito http://www.stradadegliscrittori.it/libano-concorso-diventa-tesi- laurea-magistrale. Il concorso è organizzato dal Miur, in collaborazione con il Comune di Agrigento, il Distretto Turistico Valle dei Templi, la Strada degli Scrittori, l'Accademia di Belle Arti Michelangelo e l'associazione Kaos e con la partecipazione del ministero degli Affari Esteri. Quest'anno il coordinamento è stato affidato all'Ipsseoa Costaggini di Rieti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere