Museo papiro a Siracusa vende pezzi

Per evitare chiusura dopo tagli a contributi da Regione

(ANSA) PALERMO, 9 APR - Il Museo del papiro Corrado Basile di Siracusa ha messo in vendita 20 frammenti di papiri greci e demotici della propria collezione per autofinanziarsi ed evitare così la chiusura. I pezzi sono di "accertata provenienza, acquistati circa dieci anni fa e, per quanto di conoscenza, inediti, si legge nell'avviso. L'ente è una realtà unica al mondo, estensione naturale dell'Istituto internazionale del papiro fondato da Anna Di Natale e Corrado Basile, due nomi noti nel settore per il loro impegno nella ricerca papirologica, anche in collaborazione con Il Cairo. L'inusuale annuncio non è passato inosservato ed ha scandalizzato molti studiosi e appassionati per la scelta dei due ricercatori di privarsi di rari reperti risalenti a 1500 anni fa in modo così plateale. La direttrice del Museo siracusano Anna di Natale, contattata, ha risposto che Il Museo del papiro ha deciso di mettere in vendita alcuni papiri della propria collezione "per reperire risorse dopo che la Regione ci ha dimezzato i contributi".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere