Sexy shop accanto lapide uccisione Fava

Nipote giornalista, 'mio nonno da lassù forse sta ridendo...'

(ANSA) - CATANIA, 5 GEN - C'è una grande insegna di un sexy shop che campeggia accanto alla lapide che ricorda la morte di Giuseppe Fava, il giornalista e scrittore ucciso dalla mafia a Catania 34 anni fa. Ad accorgersi della novità, alcuni mesi fa, era stata Francesca, nipote di Pippo, figlia di Elena Fava, che ha parlato col titolare del negozio. "E' un ragazzo - spiega - ed era disponibilissimo ad oscurare l'ingresso del sexy shop, ma ci ha anche detto che Pippo Fava merita una targa con la sua storia. Per noi è bastato che le luci del negozio restassero spente nell'ora della commemorazione, e così è stato". Poi Francesca usa l'ironia: "Mio nonno da lassù forse si sta facendo quattro risate...". Davanti la lapide un mazzo di rose portate dal figlio di Pippo Fava, Claudio. "I fiori e la Corona del Comune - spiega l'assessore Rosario D'Agata - sparivano e allora abbiamo deciso di fare qualcosa di più concreto: portare la musica e donare strumenti musicali ai ragazzini delle scuole che operano nei quartieri difficili".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere