Dell'Utri in lettera chiede giustizia

Brunetta in visita a Rebibbia, 'è ingiustamente detenuto'

(ANSA) - ROMA, 9 DIC - Una lettera accorata, forte e dai toni decisi, in cui non chiede compassione ma giustizia e il riconoscimento dei propri diritti. L'ha scritta dal carcere Marcello Dell'Utri, a cui due giorni fa il Tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto la richiesta di sospensione della pena. L'ex senatore sta scontando in cella una condanna a 7 anni per concorso in associazione mafiosa. Nella lettera Dell'Utri, che oggi ha ricevuto in carcere la visita del deputato Renato Brunetta, torna a chiedere di poter essere curato in ospedale.
    "E' un uomo di 76 anni, malato, ingiustamente detenuto e legittimamente arrabbiato" racconta dopo l'incontro Brunetta.
    "Con Dell'Utri - aggiunge il parlamentare - abbiamo parlato per circa mezz'ora, alla presenza della direttrice del carcere e del capo degli agenti di custodia". Dell'Utri è affetto da patologie cardiache e oncologiche e, dopo la decisione del tribunale di respingere la richiesta di sospensione della pena, ha iniziato lo sciopero del vitto e delle terapie.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere