Lari, mi odiano mafiosi e antimafiosi

''Mi troverete morto per strada e non saprete chi è stato''

(ANSA) - PALERMO, 31 LUG - "Prima i mafiosi mi odiavano. Ora mi odiano gli anti-mafiosi. Un giorno mi troverete morto per strada, e non saprete chi è stato". E' quanto afferma l'attuale procuratore generale di Caltanissetta, Sergio Lari, nel corso di un articolo pubblicato sull'ultimo numero del settimanale statunitense "The New Yorker", a firma di Ben Taub. A lungo procuratore capo nella stessa città e artefice di numerose inchieste - tra cui quella riguardante alcuni magistrati della Sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, guidata da Silvana Saguto, attualmente sotto processo a Caltanissetta - Lari spiega che proprio questa indagine gli ha procurato molti nemici nella magistratura e nella politica. "Il giudice Saguto - aggiunge - era considerata una sorta di Falcone della Sezione misure di prevenzione e si presentava come una specie di eroina".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere