Processione davanti casa boss, indagati

Pm Verzera, gravità inaudita. Vescovo, sospesi tutti i cortei

(ANSA) - CATANIA, 29 MAR - La Procura di Caltagirone ha iscritto nel registro degli indagati oltre una decina di persone, la maggior parte portatori della bara di Cristo Morto, nell'inchiesta sulla deviazione del corteo del Venerdì Santo a San Michele di Ganzaria che, tornando allo storico percorso, è passato davanti la casa del boss detenuto Francesco La Rocca. Il reato ipotizzato dal procuratore Giuseppe Verzera, che ha definito i fatti di "una inaudita gravità", è turbativa dell'ordine pubblico. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, la bara si è staccata per oltre un'ora dal corteo principale e sarebbe rimasta mezz'ora nella zona dove c'è l'abitazione dei La Rocca, accolta da lunghi applausi. Intanto il vescovo di Caltagirone, mons. Calogero Peri, ha espresso "rispetto e fiducia in carabinieri e Procura" e disposto "la sospensione temporanea di tutte le processioni" nel paese: "E' mio dovere, qualora se ne ravvisasse il pericolo - ha osservato - difendere la fede e la tradizione popolare da tutto ciò che è antievangelico".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne