Palermo, chiusa indagine su Locorotondo

Procura gli contesta falsi in bilancio per 15 mln

(ANSA) - PALERMO, 17 MAR - La Procura di Palermo ha chiuso l'indagine su una serie di falsi in bilancio contestati a Nicola Locorotondo, titolare di uno dei più grossi laboratori di analisi di Palermo. Locorotondo è indagato, insieme al commercialista Giovanni Savalle, anche di falso ideologico.
    L'inchiesta, condotta dalla Finanza, è coordinata dal pm Paolo Guido. La vicenda nasce da una segnalazione delle Agenzie delle Entrate. I bilanci vennero passati al setaccio dal Nucleo di polizia tributaria che scoprì una serie di falsi nelle documentazioni prodotte dal 2009 al 2013. In tutto sarebbero stati iscritti nell'attivo, in cinque anni, circa 15 milioni di euro fatti passare per crediti. I falsi, secondo l'accusa, che si appresta a chiedere il rinvio a giudizio di Locorotondo e del commercialista, sarebbero stati finalizzati a simulare un patrimonio sociale diverso da quello reale. In realtà le somme sarebbero servite per la creazione di fondi occulti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere