Migliaia agricoltori a Catania per difesa del Made in Italy

Manifestazione della Coldiretti anche contro agromafie

Sono già migliaia gli agricoltori del Mezzogiorno giunti a Catania per difendere l'agricoltura 'Made in Italy' che rischia di perdere i prodotti simbolo, dalle arance ai mandarini, ma anche pomodori, grano e olio sotto attacco delle politiche comunitarie, delle distorsioni di mercato e delle agromafie.

La mobilitazione prende il via nel giorno del via libera definitivo dell'Unione Europea all'accordo che consente l'ingresso senza dazi di 35.000 tonnellate di olio di oliva dalla Tunisia in più che non aiuta i produttori tunisini, danneggia quelli italiani ed aumenta il rischio delle frodi a danno dei consumatori. Ci sono numerosi trattori e cartelli che chiedono "subito l'etichettatura di origine degli alimenti" ma anche denunciano "chi attacca il Made in Italy attacca l'Italia".

Previsti il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo ed il Ministro dell'Ambiente e Gianluca Galletti. Ma sono stati anche allestiti stand per mostrare l'inganno del falso Made in Italy, per preparare la vera spremuta italiana e denunciare la strage delle arance ed anche una "collezione" dei piu' scandalosi prodotti agroalimentari con nomi che richiamano gli episodi, i luoghi e i personaggi delle Mafie che vengono sfruttati per fare un business, dal caffè mafiozzo bulgaro alla maffiasauce belga.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne